articoli

“Fare oggi ciò che i pazienti emofilici si aspettano dal domani”

Si è svolto a Napoli, il 20 Settembre, un Meeting organizzato da Roche, per illustrare lo Studio “POWER” rivolto ai pazienti emofilici.

Si tratta di uno Studio o osservazionale dal titolo: “Studio multicentrico, non interventistico, mirato a valutare l’attività fisica, l’incidenza dei sanguinamenti e la qualità della vita, nei pazienti con emofilia A senza inibitore in un regime di trattamento da pratica clinica”.

Alla giornata erano stati invitati i medici dei Centri che parteciperanno allo Studio, i rappresentanti delle associazioni pazienti nazionali, Fedemo e Paracelso, ed i rappresentanti delle associazioni locali.

Lo scopo dello Studio è osservare l’attività fisica, l’incidenza dei sanguinamenti e la qualità della vita in un “contesto reale”, senza alcuna alterazione dell’abituale pratica clinica.
L’impegno e l’obiettivo sono rivolti ad acquisire informazioni che contribuiranno ad accrescere le conoscenze della comunità scientifica sul tema dell’attività fisica nei pazienti che potrebbero concorrere all’ottimizzazione della gestione della patologia e dei pazienti.

È importante precisare che non bisogna confondere l’attività fisica con l’attività sportiva.
Per attività fisica si intende non solo le attività sportive ma anche semplici movimenti quotidiani come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici.

Saranno coinvolti in questo Studio 20 centri clinici in tutta Italia e 150 pazienti che avranno deciso di partecipare. La durata del periodo di osservazione per ciascun paziente che parteciperà sarà da un minimo di 12 ad un massino di 18 mesi.

L’idea dello Studio è nata da un bisogno segnalato dalla comunità emofilica, sia scientifica che associativa, sul tema appunto dell’attività fisica e del relativo impatto sullo stile di vita di cui ad oggi ci sono scarse evidenze in letteratura.
Il disegno dello studio e delle modalità di raccolta dei dati sono stai sviluppati insieme ad uno Steering Committee di cui hanno fatto parte clinici esperti e rappresentanti delle associazioni, oltre a partner esterni quali Cros NT e CERGAS Bocconi.

I pazienti che rispetteranno i criteri di inclusione ed esclusione, indipendentemente dal tipo di trattamento che seguono, dopo aver acconsentito alla partecipazione attraverso la firma di un documento di consenso informato, riceveranno un orologio “Fitness Tracker” e scaricheranno sul proprio smartphone una app per rispondere ad alcuni questionari.
Attraverso il Fitness Tracker verrano raccolti i dati sull’attività fisica (passi, distanza percorsa, calorie bruciate, sessioni di attività sportiva, ecc) mentre attraverso l’applicazione risponderanno a questionari sulla qualità della vita, questionari su episodi di sanguinamento e relativo trattamento, questionari sull’aderenza alla terapia prescritta, ecc.

La partenza dello Studio è prevista tra Novembre e Dicembre 2019.

Tag: